UNICREDITO: digerire Capitalia non sarà una passeggiata

La fusione con Capitalia non ha giovato ad Unicredito, almeno per il momento. Il tempo metterà certamente ordine in una struttura che dall’esterno appare non poco caotica. Basta girare per le nostre città per rendersi conto che questo matrimonio forse non è stato per Unicredito un così grande affare. Anni e anni di concorrenza hanno spinto i due istituti ad organizzarsi sul territorio aprendo sportelli vicini fra loro per contendersi così fino all’ultimo cliente creando oggi una costosa duplicazione da smaltire. Alessandro Profumo non avrà certamente problemi a trasformare questo ostacolo in un vantaggio nel breve volgere di qualche anno. Purtroppo per noi piccoli investitori l’orizzonte temporale del bravo manager è relativamente lungo facendo perdere al titolo quell’appeal che aveva attirato l’attenzione di molti. Sono certo che mentre Unicredito digerisce Capitalia il mercato possa offrire di meglio.
Oggi il grafico di Unicredito è il risultato della fusione e come tale a mio parere risulta stravolto nel suo insieme che già aveva subito un rimescolamento con la fusione della banca tedesca.
Ieri ho chiuso la posizione su Unicredito in leggero loss, il grafico, anche se stravolto per me dice che si scende un po’ e che si farà fatica a risalire.
Tenterò di rendere chiaro il grafico che a prima vista appare un vero e prorpio ingorgo di linee ed evolventi paraboliche.
Innanzi tutto il canale rosso che consideravo nella precedente analisi affidabile ha ceduto lasciando che Unicredito proseguisse nella sua discesa. Tra i problemi dei mutui subprime che tutti continuano a considerare lontani dalle banche italiane e la mina derivati fatta esplodere dalla trasmissione Report di rai tre, Unicredito ha ricevuto diverse spinte ribassiste.
Oggi l’obiettivo di prezzo dei 5 euro sembra essere sempre più vicino e probabile. In quel punto che rappresenta il 61,8% dell’onda rialzista 1988-2007 transita la trend line rialzista che sempre più oggi è considerata l’ultimo baluardo dai rialzisti pronti a trasformarsi in ribassisti se dovesse essere violata.
Tra il canale parabolico rosso e il supporto dinamico blu ho identificato uno stretto canale parabolico di lungo periodo che potrebbe venire in soccorso proprio in questa difficile fase. La tenuta di questo canale potrebbe far percorrere a Unicredito il tragitto segnato in giallo perchè al momento mi pare quello meno probabile fra quelli possibili.
Per concludere credo che il titolo tornerà verso i 7,50-8,00 euro, per farlo però avrà bisogno di tempo, certamente non sarà il 2008 che decreterà il riscatto di Unicredito.
Io da ieri resto fuori.

Tags:

About the Author

has written 382 stories on this site.

5 Comments on “UNICREDITO: digerire Capitalia non sarà una passeggiata”

  • Pippo wrote on 4 November, 2007, 13:32

    Veramente mi aspettavo che tu fossi fuori da Unicredit dalla fine di luglio, come da blog.
    Cosa ti ha fatto rientrare per uscirne nuovamente, il fatto che ha sfondato i 6 euro molto prima della fine dell’anno, come prevedevi a luglio?

  • Giovanni Solinas wrote on 4 November, 2007, 23:03

    Il 23 luglio ho scritto: “Il lavoro sul forex mi ha assorbito parecchio e conseguentemente distratto dalle analisi sui titoli azionari. Fra quelli che ho in portafoglio mi pare che Unicredito sia quello che meriti prima di altri un aggiornamento.”
    Non mi pare di aver scritto che ero uscito da Unicredito, purtroppo!
    Ciao

  • Salvo wrote on 9 November, 2007, 18:40

    L’obiettivo dei 5 euro oggi è stato toccato anche se poi si è allontanato. Certo chi ha in portafoglio questo titolo è dura digerire ogni giorni ribassi anche abbastanza consistenti. Personalmente credo che la fase ribassista sia finita anche se parlare di inversione di tendenza sembra alquanto azzardato. Infine credo che a questo punto chi è liquido non può che stare alla finestra aspettando che il cielo di Unicredito sia limpidi per entrare e fare gain con una certa tranquillità. Ciao

  • Antonino Porcino wrote on 16 November, 2007, 20:37

    Ho fatto anch’io un’analisi con le evolventi e pare anche a me voglia riprendere la crescita dopo aver testato i 4.8. Vedremo.

    http://analisiborsa.blogspot.com/2007/11/unicredito.html

  • Salvo wrote on 11 February, 2008, 19:28

    Ciao Giovanni
    si potrebbe tracciare uno studio su questo titolo che non fa altro che rintracciare minimi su minimi. Secondo te chi entra con i prezzi correnti ha buone possibilità di fare gain oppure il titolo è destinato a rintracciare ancora parecchio? Chiunque parla di Unicredito dice che è un titolo appetibile sopratutto in considerazione delle quotazioni raggiunte. Secondo te invece? Sempre grazie per il tempo dedicato ai tuoi estimatori

Write a Comment

Gravatars are small images that can show your personality. You can get your gravatar for free today!

Copyright © 2018 Le Pagine dei Soldi. All rights reserved.
Powered by WordPress.org,