Petrolio: volatilità e speculazione

Debbo onestamente dire che la corsa rialzista del petrolio verso i 150 dollari mi aveva stupito. Avevo immaginato una crescita graduale con picchi a 120 dollari e un massimo raggiunto nel 2010.
Lo strappo rialzista ha sbilanciato tutto verso una soluzione estremamente volatile ed ora stiamo assistendo al grande ribasso. Al momento il ribasso non sembra aver trovato supporti degni di questo nome, lasciando spazio ad ulteriori discese. Se il supporto a 100 dollari non dovesse reggere (e sembra proprio non voler opporsi ai ribassi) l’area di oscillazione dei prezzi per i prossimi mesi dovrebbe assestarsi nell’area 80-100 dollari.
Al momento affermare che il ciclo rialzista di lungo periodo si è interrotto è prematuro, resta infatti intatta la possibilità che venga costruito un doppio massimo a 150 dollari entro il 2013.
Pesanti a questo punto saranno le ripercussioni sui titoli petroliferi che andranno analizzati singolarmente.

Tags:

About the Author

has written 382 stories on this site.

Write a Comment

Gravatars are small images that can show your personality. You can get your gravatar for free today!

Copyright © 2018 Le Pagine dei Soldi. All rights reserved.
Powered by WordPress.org,