STM: se regge la base andrà lontano

Dopo una catastrofe, che sia un uragano o un terremoto, i sopravvissuti si guardano intorno e raccolgono le forze per ricominciare.
Chi si illude che sia finita non ha capito che quello che è successo nelle scorse settimane è solo una terribile fase di un ciclo negativo più lungo che non ha ancora raggiunto tutti i suoi nefasti obiettivi.
Mentre gli indici e la maggior parte dei titoli sta ancora preparando un ulteriore affondo c’è qualche titolo che durante la crisi ha resistito.
Uno di questi è STM che da parecchi mesi ormai galleggia intorno ai 6 euro. E’ ancora presto per parlarne ma questo movimento ha tutta l’aria di una costruzione di una solida base. E se questa base dovesse continuare a reggere, della prossima fase rialzista si parlerà a lungo nei libri di analisi tecnica.
Per oggi vi lascio con un grafico un po’ particolare. Si tratta di una costruzione ganniana del quadrato del 9 che lascia ipotizzare uno sviluppo del ciclo in corso con esaurimento fissato per la fine del 2017 con un rialzo complessivo di oltre il 1200% con obiettivo finale a 77 euro.
So cosa state pensando: “questo è matto, dovrebbero ricoverarlo in una clinica”.
Forse avete ragione…

chart STM

chart STM

Tags:

About the Author

has written 382 stories on this site.

5 Comments on “STM: se regge la base andrà lontano”

  • Duca wrote on 22 October, 2008, 0:04

    No, non sei matto. Anch’io penso che STM sia una ottima azienda, anch’io l’ho comprata e fatta comprare pensando al triplo minimo (Mi è venuto qualche dubbio quando ha perforato sotto 6, ma poi si è prontamente ripresa).
    Poi ti do una ragione produttiva per raggiungere i 77 euro. I laboratori di ricerca di STM stanno lavorando a una nuova generazione di celle fotovoltaiche. Se riescono a metterle in produzione sarà la rivoluzione del secolo, altro che new economy. Come vedi i matti sono 2, anzi 3 (l’altro che l’ha comprata su mio suggerimento)

  • Duca wrote on 22 October, 2008, 0:24

    Ecco la nuova tecnologia di STM che realizzerà la tua previsione di 77 euro

    A Catania, nei laboratori dell’St Microelectronics, sul fotovoltaico ci stanno lavorando da anni. Anche con insuccessi. Prima fra tutti la cella solare a film sottile polimerica (in plastica), a bassissimi costi produttivi ma intrinsecamente, tuttora, troppo fragile per sostenere la potente luce solare diretta.

    Però, per Salvo Coffa, leader di questo filone di ricerche, questa è stata un’utile lezione. Ci ha fatto capire qual è la strada giusta. Mantenere l’approccio sulle celle a film sottili ma anche tornare al più robusto silicio. Però nanotecnologico.
    Sotto i dieci nanometri (miliardesimi di metro) piccoli cubi, cilindri o muretti di ossido di silicio (opportunamente drogati con molecole sensibili di germanio o di gallio) possono catturare e trasformare in elettricità le diverse lunghezze d’onda (colori) della luce solare. i

  • azimut72 wrote on 22 October, 2008, 10:44

    Per chi si vuol dare al venture capitalism.

    http://www.nanosolar.com

    E’ da mesi che aspetto l’IPO.

    Da tenere sotto controllo

  • IgTrader wrote on 22 October, 2008, 11:47

    Allora siamo in 4…

  • PETER wrote on 30 October, 2008, 20:18

    COMPRATE AZIONI ST E NON RIMARRETE DELUSI..

Write a Comment

Gravatars are small images that can show your personality. You can get your gravatar for free today!

Copyright © 2018 Le Pagine dei Soldi. All rights reserved.
Powered by WordPress.org,