GM: ormai si parla di veglia funebre

logo-gmMentre mi occupavo di rifare il sito (a proposito, vi piace?) ho letto un gran bell’articolo di Vittorio Zucconi dal titolo “L’America al capezzale di GM”.

Per rendere bene l’idea di quanto sia grave la situazione del colosso dell’auto americano si parla delle iniezioni di liquidità del governo come “accanimento terapeutico”.

E come nel “coccodrillo” che viene mandato in onda quando muore un personaggio famoso anche Zucconi parte da lontano descrivendo l’escursus storico delle nefandezze finanziarie e gestionali di cui si sono macchiati i politici e i manager durante gli ultimi decenni. Una vera vergogna e non c’è da stupirsi se Richard Wagoner, attuale numero 1 di GM,  non sia mai stato sfiorato dall’idea di dimettersi nonostante anche lui abbia contribuito al dissesto.

Probabilmente General Motors sarà la prima delle varie tegole che George Bush lascerà cadere sulla testa di Barack Obama il quale si troverà a dover gestire una situazione assurda: salvare un colosso che non ha modelli nuovi pronti per tornare sul mercato e risalire la china. Diciamo che la fine di GM sarà decretata dagli stessi americani che non comprando più i suoi veicoli impediranno il salvataggio. Una sorta di legge della giungla che prima o poi colpisce le aziende divenute troppo grandi per essere gestite.

Tags:

About the Author

has written 382 stories on this site.

Write a Comment

Gravatars are small images that can show your personality. You can get your gravatar for free today!

Copyright © 2020 Le Pagine dei Soldi. All rights reserved.
Powered by WordPress.org,